Vocazione

Anno vocazionale con Maria nella gioia di servire

Noi crediamo che "Dio desideri fare cose nuove" attraverso la Congregazione delle suore Ministre degli Infermi di S. Camillo, in questo momento storico, in cui siamo sfidate, con Maria e Maria Domenica, ad  assumere con  gioia ed entusiasmo  la nostra vocazione e missione di persone consacrate.

Pertanto proponiamo un: Anno vocazionale con Maria nella gioia di servire”, in sintonia con Papa Francesco che per ottobre  2018, ha convocato una nuova assemblea generale ordinaria del Sinodo, sul tema:” I giovani, la fede, il discernimento vocazionale”, e chiede di aiutare i giovani, a  scoprire attraverso un cammino di discernimento il loro progetto di vita e a realizzarlo con gioia.

Di fronte alle molteplici sfide che la vita consacrata affronta oggi, Papa Francesco ci invita a "lasciare le nostre rigide strutture, che ci rendono incapaci di comunicare la gioia del Vangelo", quindi  la grande interpellazione per l'Anno vocazionale è sì la crescita numerica della nostra amata provincia italiana, ma è,  soprattutto, un momento di conversione, per  cambiare  e rispondere con autenticità alla nostra consacrazione, rinnovando l'opzione fondamentale per Gesù Cristo misericordioso, vivendo con fedeltà i valori che professiamo.

Siamo invitate ad essere nella Chiesa una presenza di donne felici e soddisfatte, discepole innamorate del Maestro, portando al mondo la certezza che Cristo è nella nostra vita attraverso le nostre parole e le nostre azioni. Il modo di essere e di vivere con gioia, alla luce del carisma, susciterà nelle giovani il desiderio di seguire Gesù come Ministre degli Infermi.

Abbiamo anche bisogno di intensificare la nostra intimità con il Signore. "Dobbiamo sperimentare, dice Papa Francesco, l'occhio misericordioso di Dio su di noi”. Quando accogliamo Cristo, viviamo un incontro decisivo che dà senso a tutta la nostra esistenza.

Segno profetico

L'esperienza di Dio fa di noi dei segni visibili e attraenti per nuove vocazioni. Maria di Nazareth era animata da una intensa forza spirituale che l’ha sollecitata ad andare a servire la cugina Elisabetta, è la forza interiore dell'amore, del desiderio di condividere la gioia della Buona Novella, di portare la salvezza di Dio, è la volontà di servire. "Chi non è disponibile a servire non è in grado di vivere". Contemplate la vocazione della beata Maria Domenica. Donna intraprendente e coraggiosa ha superato sfide e difficoltà a tutti i livelli.

Quando ha iniziato la Congregazione, non era più giovane e le sue prime compagne non godevano buona salute, ma non si è persa di coraggio. Si è lanciata con fiducia, pronta a fare la volontà di Dio, “costi quello che costi”. La nostra famiglia Religiosa segnata agli inizi dalla fragilità umana, ha sperimentato la potenza divina nella debolezza, la   mano forte e invincibile di Dio che l’ha sostenuta e guidata nel cammino della carità.

Il ritorno alle origini ci sfida nella fede e nella fiducia per credere che anche oggi, l’invecchiamento, la fragilità della salute, la povertà dei mezzi, non devono essere motivo di scoraggiamento, ma un invito a mettere tutta la nostra fiducia in Colui che nel deserto crea nuovi germogli di vita. "Questa pia Opera da me fondata, ci ricorda la nostra cara Madre fondatrice Maria Domenica: sviluppatela, accrescetela”.

Rispondiamo a questo imperativo dello Spirito e chiediamo la capacità della fecondità lungo il corso della storia, per vivere con impegno l’esperienza di un anno vocazionale: Con Maria  e con  la beata Maria Domenica.

TEMA: ANNO VOCAZIONALE CON MARIA

MOTTO: Nella gioia di servire

OBIETTIVO GENERALE:  Vivere l'Anno vocazionale con Maria, testimoniando la gioia del dono della vocazione, incontrando le giovani, diffondendo la nostra identità carismatica per suscitare nuove vocazioni.

OBIETTIVI SPECIFICI

 1 - Impegnarsi nella formazione e nell'auto-formazione. 

2 - Diffondere la conoscenza della beata Madre Fondatrice

3 - Essere coinvolte nel servizio di animazione vocazionale, in modo personale e comunitario, indipendentemente dall'età.

4 - Promuovere incontri tra le comunità vicine e accogliere tra noi le giovani nella comunità.

5 - Programmare incontri vocazionali mensili (Adorazione Eucaristica, rosario vocazionale conforme lo schema).